Flavia Rossi
Mi affaccio sul bordo della valle
Stampa fotografica
2019

 

Il progetto Mi affaccio sul bordo della valle si ispira alla cultura popolare camuna, fortemente radicata nel territorio, di cui ancora oggi si sono conservate tracce transitorie ed effimere. In questo senso, l’artista recupera un profondo legame con la tradizione del passato e la propone in una nuova forma, attraverso il mezzo fotografico.
Riprendendo la varietà degli elementi narrativi collegati a un tessuto mitico che vede nelle bòte (dal dialetto camuno: racconti) un simbolo di memorie passate, l’artista coinvolge la popolazione per farne rivivere alcune, utilizzando il paese e i suoi spazi come una scenografia.
Il risultato sono immagini da un carattere onirico, riconducibili a episodi ancora vivi per l’identità della comunità e della tradizione locale.
A queste immagini, l’artista accosta immagini di paesaggio notturne, giocando leggermente con l’esposizione: vedute irreali e per certi versi anche un po’ spaventose, così come le storie, inventate per la maggior parte con l’obiettivo di impaurire gli ascoltatori, soprattutto i bambini. Nel progetto trova spazio anche materiale di archivio rifotografato per sottolineare l’unione tra gli abitanti di questo piccolo paese e il fatto che tutte le storie siano frutto della memoria collettiva.

FLAVIA ROSSI

Roma, 1989

 

Flavia Rossi was born in Rome in 1989. She graduated in Architecture in Rome and she obtained in the Master Iuav in Photography of Venice. She mainly uses photography as a means of expression, considering it one of the possible ways to express and investigate the meaning of reality. Her research focuses on the themes of memory and emotional geography, taking inspiration from literature, painting, music and architecture. She participated in the residence “Manufatto in Situ” by ViaIndustriae in 2016. She wins the Aldo Nascimben Award in 2017. Her work “Così nello sfavillio del momento” becomes a book  in 2017 and an exhibition in 2018, curated by Niccolò Fano at LO.FT in Lecce. Shewass among the “30 Under 30 Women Photographers” by Artpil in 2018. She is a finalist in several awards in Italy and abroad and she is the only Italian artist who participated in the Global Youth Culture Forum in Jeju, South Korea, organized by Culture UCLG. She is currently participating in a residence programme at Galleria San Fedele in Milan and she is selected for the ISSP International Summer School of Photography in Latvia.

*BACKSTAGE